Tag Archives: Twitter

Tommy Hilfiger launches in-store virtual reality experience

Tommy Hilfiger on Tuesday introduced a new virtual reality shopping experience where customers can watch the Fall 2015 Hilfiger Collection runway show in 3D, 360-degree virtual reality. The experience kicked off at the Fifth Avenue store in New York City and will launch at select Tommy Hilfiger stores worldwide, including London, Paris, Milan, Amsterdam, Dusseldorf, Florence, Zurich and Moscow.


Model wearing virtual reality headset in Tommy Hilfiger’s Fifth Avenue flagship store – Tommy Hilfiger

The virtual reality experience is made possible with a Samsung VR device, which gives wearers a front row view of the runway show that was held at Manhattan’s Park Avenue Armory in February, as well as backstage access. The concept was created with 360-degree 3D virtual reality developers, WeMakeVR, and the show was captured with the tech company’s WeMakeVR-Falcon.

“Through virtual reality, we’re now able to bring our one-of-a-kind fashion show to the retail setting,” said Tommy Hilfiger. “From the incredible set and music to exclusive backstage moments, consumers will be able to watch the clothes move and see the collection in the original show environment – it’s a compelling and interesting elevation of the traditional shopping experience.”


Virtual Reality In-Store Set-Up at Tommy Hilfiger’s Fifth Avenue Flagship Store – Tommy Hilfiger

Tommy Hilfiger adopted video technology for its Spring 2016 show by launching Twitter Halo, the social media platform’s multi-camera device that shoots 360-degree video at the show. Prior to that, at its Fall 2015 runway show the company used Twitter Mirror, a mirror that takes photos by tapping the screen, and at its Spring 2015 show used the Vine 360 booth that captures 360-degree, 6-second video loops of celebrity fashions. The in-store virtual reality experience is the first time the company is adopting video technology in retail.

Source: Fashionmag.com

Tagged , , ,

Un terzo degli utenti di Internet mondiali acquista su dispositivi mobili

Anche se il commercio online è ancora svolto prevalentemente tramite computer, gli acquisti realizzati da apparecchio mobile continuano comunque ad aumentare. Secondo uno studio internazionale realizzato da GlobalWebIndex, più di un terzo dei cyber-acquirenti adulti utilizza ormai il proprio device mobile per realizzare gli acquisti.

 

Nel condurre questa indagine su 170.000 persone di 32 Paesi del mondo, l’organismo ha stimato a 1 miliardo il numero di compratori online mensili, considerando tutti i supporti insieme. Sapendo che ora tre quarti delle persone che si connettono a Internet lo fanno dal loro smartphone, il potenziale di sviluppo dell’m-commerce appare ben evidente.

Ogni mese, il 40% dei navigatori di Internet si connette ad un negozio online sulla Rete mobile e 1 su 5 vende oggetti sul Web per mezzo del suo telefono. Le applicazioni di shopping, ben posizionate per generare l’atto di acquisto da un cellulare, sono utilizzate da un quarto degli internauti, e tra loro, il 70% effettua un ordine.

Lo sviluppo dell’m-commerce passa naturalmente soprattutto attraverso le generazioni più giovani. I 16-24enni ne sono i maggiori utilizzatori, il 40% di loro fa shopping dal proprio telefono.

Conditio sine qua non per attirare i Web users, la sicurezza e la confidenzialità dei dati personali sono elementi considerati fondamentali del 70% dei partecipanti al sondaggio.

I social network e la messaggistica rappresentano la maggior parte degli utilizzi di uno smartphone, e le vendite effettuate su queste piattaforme continueranno a crescere, predice lo studio. Già un terzo di coloro che acquistano da dispositivo mobile riconosce che le offerte che vedono passare sui media sociali li invoglia a fare l’acquisto. Il servizio di messaggistica istantanea cinese WeChat conta il maggior numero di utenti che sono anche acquirenti online da dispositivo mobile (il 67%, contro il 47% di Facebook Messenger e il 43% di Twitter).

Bisogna dire che le nazioni emergenti sono le leader dell’m-commerce. Inoltre, nella maggioranza di esse, le connessioni al Web sono effettuate maggiormente da cellulare che da computer, con le reti per Internet fisso che in molti casi non sono ancora ben sviluppate o accessibili. Nei Paesi dell’Asia-Pacifico, il 46% degli utenti di Internet è già esperto di acquisti sul cellulare, mentre sono solamente il 21% in Europa e il 20% in Nordamerica.

E’ in India che gli acquisti su smartphone hanno ottenuto la maggiore progressione nel 2014. Adesso il 45% degli utenti di Internet della nazione asiatica fa shopping online da dispositivo mobile.

Source: fashionmag.com

Tagged , ,

Decolla l’e-commerce in Italia: in 15 mln comprano sul web

Decolla l’e-commerce in Italia, tra voglia di risparmio e diffidenza. Sono 15 milioni gli italiani che fanno acquisti sul web. Per il 37% si risparmia rispetto ai negozi tradizionali, per circa il 33% (32,8%) è più comodo. Ma solo il 10% si fida pienamente dei pagamenti online, il 65% si mette al riparo da eventuali rischi usando una carta pre-pagata.

E’ quanto emerge dal 12° Rapporto sulla comunicazione del Censis, presentato il 26 marzo scorso a Roma, a Palazzo Giustiniani.

A fare acquisti sul web rivela il rapporto, è ormai il 43,5% degli utenti italiani di internet, ovvero 15 milioni di nostri concittadini. Un altro aspetto positivo, secondo i clienti online, è la semplicità delle procedure di shopping in rete, basta un semplice clic, segnalata dal 19,8%. Per il 12,8% conta l’efficacia dei marketplace sul web rispetto agli esercizi commerciali tradizionali, perché qui c’è più scelta, si possono trovare più informazioni sui prodotti e servizi, si possono fare confronti tra modelli diversi. E per il 7% lo shopping online è semplicemente più divertente rispetto al fare acquisti nei negozi tradizionali: sembra un gioco, evidenzia il Rapporto del Censis. Ma alle luci si oppongono alcune ombre.

Dalle opinioni dei consumatori emergono infatti anche alcune criticità connesse all’e-commerce. Il rischio che dietro allo scontrino virtuale si celino truffe, anche legate al sistema dei pagamenti online, è segnalato dal 28,7% degli italiani e i più preoccupati sono gli over 65 anni (34,6%) e le persone meno istruite (32,6%). Inoltre, fare spese sul web è un’attività più ‘fredda’, cioè senza contatto umano, per il 23,2% degli italiani. Vengono poi espressi dubbi legati al buono stato del prodotto: il 21,8% teme che la consegna venga fatta in ritardo o con prodotti sbagliati o difettosi. Infine, il 24,4% rinuncia allo shopping on line per non incappare in truffe, mentre il 65,3% le teme ma comunque acquista sul web usando però una carta pre-pagata.

L’uso degli smartphone continua ad aumentare vertiginosamente nel 2015 in Italia (+12,9%) e ora vengono impiegati regolarmente da oltre la metà degli italiani (il 52,8%), mentre i tablet praticamente raddoppiano la loro diffusione nel giro di un biennio e oggi si trovano tra le mani di più di un quarto degli italiani (il 26,6%).

Gli utenti di internet, crescono ancora (+7,4%), fino ad arrivare al valore record del 70,9% della popolazione italiana (per quanto solo il 5,2% di essi si connette attraverso la banda ultralarga). Continua anche la forte diffusione dei social network. Inoltre è iscritto a Facebook il 50,3% dell’intera popolazione e il 77,4% dei giovani under 30. YouTube raggiunge il 42% di utenti (il 72,5% tra i giovani). E il 10,1% degli italiani usa Twitter.

Nell’era del web la tv tiene ancora banco fra gli italiani. Nel 2015 la televisione continua infatti ad avere una quota di telespettatori che coincide sostanzialmente con la totalità della popolazione (il 96,7%), con un rafforzamento però del pubblico delle nuove televisioni: +1,6% rispetto al 2013 la web tv, +4,8% la mobile tv, mentre le tv satellitari si attestano a una utenza complessiva del 42,4% e ormai il 10% degli italiani usa la smart tv. Anche per la radio si conferma una larghissima diffusione di massa (l’utenza complessiva corrisponde all’83,9% degli italiani), con l’ascolto per mezzo dei telefoni cellulari (+2%) e via internet (+2%) ancora in ascesa.

Non si inverte invece, nel 2015, il ciclo negativo per la carta stampata che registra -1,6% lettori di quotidiani, -11,4% per la free press. Tengono invece i settimanali e i mensili, mentre sono in crescita i contatti dei quotidiani online (+2,6%) e degli altri portali web di informazione (+4,9%). Dopo la grave flessione degli anni passati, rileva il report del Censis, non si segnala una ripresa dei libri (-0,7%): gli italiani che ne hanno letto almeno uno nell’ultimo anno sono solo il 51,4% del totale, e gli e-book contano su una utenza ancora limitata all’8,9% (+3,7%).

Source: fashionmag.com

Tagged , , ,

Burberry tries out Twitter BUY button

According to the press, British luxury fashion house, Burberry, is the only fashion brand to have tried out Twitter’s buy button, which allows users to users to make purchases or donate money to charities without leaving Twitter.

Initial partners include music stars Eminem and Brad Paisley, retailers Home Depot, Burberry and nonprofits The Nature Conservancy and GLAAD.

tasto_carrello_xsito

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Source: http://en.pambianconews.com/

 

 

Tagged ,