Tag Archives: Italy

The 5p plastic bag charge: All you need to know

A plastic bag wrapped round a tree in the foreground of a Tesco sign

A new 5p charge for plastic bags is to be introduced in England on 5 October. Here’s what you need to know.


What’s happening?

Shoppers are to be charged 5p for every new plastic bag they use at large stores in England.

The charge applies only to shops or chains with 250 or more full-time employees.

Plastic bags at airport shops or on board trains, planes or ships, will not be included, and neither will paper bags.

England is the last country in the UK to start charging for plastic bags.


Why do this?

A blue plastic bag in Regent's Canal in London

The number of plastic bags handed out by supermarkets in England in 2014 rose to 7.64 billion – 200 million more than in 2013.

Figures collected by waste-reduction body Wrap, on behalf of the Department for Environment, Food and Rural Affairs (Defra), show that the figure has steadily increased for the past four years.

In 2010 almost 6.3 billion were used.

Campaigners argue that the bags blight streets, spoil the countryside, and damage wildlife, seas and coastline.

Ministers think introducing a 5p charge will stop shoppers using as many new bags, and encourage people to re-use old ones.

The government hopes to see an 80% reduction in plastic bag use in supermarkets, and a 50% fall on the high street.

Over the next decade it hopes the charge will create:

  • £60m savings in litter clean-up costs
  • £13m in carbon savings

The charge was a policy championed by the Liberal Democrats in the previous coalition government.

Where will the money go?

5 pence piecesImage copyrightThinkstock

Initially to the supermarkets. This is not a tax and the money raised by the levy will not go to the government.

Retailers can choose what to do with the proceeds of the charge, but they are expected to donate it to good causes.

Over the next 10 years the government hopes the charge will raise £730m for such causes.

Retailers will need to report to ministers about what they do with the money, and the government will publish this information each year.


What is being done elsewhere?

Sainsbury's plastic bagsImage copyrightGetty Images

In 2011, Wales started charging 5p per bag and saw a 71% drop in the number used by customers.

Scotland and Northern Ireland introduced their charges in 2014 and 2013 respectively and have also seen significant drops in usage.

In Scotland the charge was introduced in the final 11 weeks of 2014 and figures show a drop of 18% when compared with the statistics for the previous year. Similarly, in Northern Ireland in 2014 there was a 42.6% annual reduction following a previous drop of 71%, after the carrier bag charge was introduced.

But the UK is not alone in trying to limit use.

In 2002, Bangladesh became the first country in the world to ban thinner plastic bags altogether, after they were found to have choked local drainage systems during floods.

Other countries including South Africa, Rwanda, Kenya, China, and Italy followed suit.

More recently Mexico City and the US state of California imposed bans.

Is the charge avoidable?

Pigeon plastic bagImage copyrightGetty Images
  • Firstly, you could try a smaller shop. As the charge technically only applies to bigger stores, smaller places may continue to hand bags out for free. Such stores are allowed to ask for 5p a bag, but the Association of Convenience Stores, which represents more than 33,500 local shops, said only 8,000 were planning to do so
  • Secondly, it’s an obvious point but bring your own bag(s). #reusebags is the government’s Twitter hashtag for this policy change, and it’s a simple message.

Does the charge involve all plastic bags?

a goldfish in a plastic bagImage copyrightPA

No. There are a few very specific exemptions. You will not be charged for plastic bags if you’re buying:

  • live aquatic creatures in water
  • unwrapped blades, including axes, knives, and knife and razor blades
  • uncooked meat, poultry or fish
  • prescription medicine
  • unwrapped loose seeds, flowers, bulbs, corns, rhizomes – as in roots, stems and shoots, such as ginger – or goods contaminated by soil, like potatoes or plants
  • unwrapped ready-to-eat food for animal or human consumption – for example, chips, or food sold in containers not secure enough to prevent leakage during normal handling

What about home deliveries?

An Ocado delivery vanImage copyrightOcado

While all of the major supermarkets will be charging for plastic bags at their outlets, the fee will also affect home deliveries.

Most supermarkets are offering a “bagless” delivery service, or are charging a standard flat fee for plastic bags per shop.

Other operators such as Morrisons and Ocado will be charging 5p per bag for deliveries. However, they will also be giving customers back 5p for the plastic bags they return to the company to recycle.


Are re-usable bags cleaner?

A 'natural green bag' from TescoImage copyrightGetty Images

The thin modern plastic bags used by supermarkets are actually cleaner to produce, in terms of greenhouse gas emissions, than paper bags, heavier plastic “bags for life” and textile bags.

In 2011 Britain’s Environment Agency published a Life Cycle Assessment of Supermarket Carrier Bags, which concluded that long-life bags have to be reused a number of times – more than 100 times in the case of a cotton bag – if they are to be environmentally a better option than standard plastic carrier bags.

Of course, if a plastic bag is reused then its carbon footprint per use decreases even further.

But although they are technically cleaner to produce, plastic bags do not biodegrade.

According to Professor Tony Ryan, at the University of Sheffield’s faculty of science, plastic bags in landfill “exist for at least hundreds of years”.

You can also get biodegradable plastic bags but at the moment the government wants to charge for these too.

Defra says it needs to find a way of distinguishing biodegradable bags from standard plastic bags in the recycling process.

Biodegradable plastic bags need oxygen and sunlight to degrade. If they get buried in landfill there is little difference between them and standard carrier bags.


What’s been the reaction?

A survey of more than 2,000 people commissioned by Break the Bag Habit coalition – which includes the Campaign to Protect Rural England and Keep Britain Tidy among others – found that 62% of people in England agreed a 5p charge was “reasonable”.

Environmental charity Friends of the Earth also welcomed the charge, but said more needed to be done.

The group’s chief executive, Craig Bennett, described the move as a “small step” and believed it would “do little to tackle the nation’s huge waste mountain”.

The plans for the levy were described as a “complete mess” by the parliamentary Environmental Audit Committee last year.

It warned that excluding paper bags and small retailers risked confusing consumers and undermining the effectiveness of the levy – a view also held by the Association of Convenience Stores.

Source: Bbc.com

Tagged , , , , , , , , , , ,

Shanghai Welcomes Italian Fashion

Shangtex, Gruppo leader nel settore tessile cinese con alle spalle una storia di oltre 130 anni, ha organizzato a Milano il convegno “Shanghai Welcomes Italian Fashion” nell’ambito del pomeriggio di incontri istituzionali organizzato dai Comuni e dalle Camere di Commercio per celebrare le molte affinità fra le due città di Milano e Shanghai.

Ad aprire il dibattito è stato Tong Jisheng, Chairman of Board of Directors Shangtex Textile (Group) Co., Ltd. e Vice Director Shanghai Fashion Week Organizing Committee. Mr. Tong ha spiegato alla platea di imprenditori e manager la volontà di Shangtex e dell’intero Sistema Moda Cinese di creare un rapporto efficace di collaborazione con il nostro Paese teso a far crescere il business legato alla moda ed al lusso per entrambe le realtà.

A seguire Mr. Tong ha voluto consegnare un riconoscimento da parte di Shangtex al Cav. Mario Boselli, Presidente Onorario della Camera della Moda Italiana, in qualità di “Italian Fashion Ambassador for Shanghai Fashion Week”.
Il Cav. Boselli, da sempre portavoce autorevole della Moda Italiana nel mondo, ha sottolineato il grande potenziale del mercato cinese e l’importanza per la moda Made in Italy di continuare a mantenere e rafforzare una relazione aperta e fluida con realtà di grande interesse ed in continua crescita come quella di Shanghai.

Xu Bin, Vice-General Manager Shangtex Textile Fashion Industry Development Co., Ltd. and CEO Prolivon e Antonio De Matteis, CEO di Kiton, hanno quindi raccontato attraverso le case history delle rispettive aziende, i diversi approcci utilizzati per posizionare il proprio brand sul mercato ed aumentarne la visibilità e riconoscibilità.

Il convegno è quindi proseguito con l’intervento di Shao Feng, General Manager Shangtex Textile Fashion Industry Development Co. Ltd., il quale si è soffermato sul progetto “We Design” promosso da Shangtex per favorire la presenza di creativi ed esperti di prodotto italiani a Shanghai. L’obiettivo è di incentivare gli scambi di informazioni e conoscenze con reciproco vantaggio competitivo.

A seguire, due diverse esperienze creative italiane d’eccellenza: quelle di Ennio Capasa, fondatore e stilista di Costume National e Gabriele Colangelo, stilista di grande talento oggi Direttore Creativo di Giada, marchio di proprietà cinese, oltre che creatore di una linea con il proprio nome.

A concludere l’incontro è intervenuto Carlo Pambianco, Presidente di Pambianco Strategie di Impresa che ha riassunto in poche slide i numeri del “fenomeno” cinese evidenziandone così ulteriormente il grande potenziale.
Nel corso del denso pomeriggio di incontri è stato anche siglato un importante agreement fra la Camera Nazionale della Moda Italiana (CNMI), nella persona del suo Presidente Carlo Capasa e lo Shanghai International Fashion Center (SIFC) , nella persona di Tong Jisheng, Vice Director of Shanghai Fashion Week Organizing Committee.

Questo accordo si pone l’obiettivo di promuovere la collaborazione e lo scambio di dati ed informazioni fra i due Fashion System. In chiusura all’evento, Shangtex ha proposto di proseguire in questo progetto di collaborazione internazionale creando un ulteriore momento d’incontro fra i vertici delle principali Fashion Week a livello mondiale a Shanghai i prossimi 13 e 14 luglio.

SIFC organizza Mode Shanghai, Design by Shanghai, e Shanghai International Fashion Festival, raccogliendo le più importanti aziende di moda, designer indipendenti, e le associazioni e organizzazioni ad essi correlate con la maggiore influenza e valore di mercato.

Shangtex textile, celebrata come la “Madre dell’Industria cinese” ha attraversato una storia di oltre 130 anni. Shangtex si concentra sullo sviluppo di fibre e materiali funzionali di alta tecnologia, differenziati e
compatibili con l’ambiente e possiede un elevato numero di diritti di proprietà intellettuale nei nuovi tipi di fibre. Shangtex è oggi la più grande azienda tessile di abbigliamento in Cina e il suo fatturato 2011 è stato di 43 miliardi di RMB. Il totale delle esportazioni di Shangtex conta per il 13% del valore totale delle esportazioni del tessile e dell’abbigliamento che avvengono attraverso il porto di Shanghai.

Shangtex possiede diversi marchi famosi, come Prolivon, ben noto nel mercato cinese, dove la società ha anche una rete di punti vendita con più di 8.500 door. Shangtex è anche responsabile per il Shanghai International Fashion Education Center e del nuovo progetto “We design”. Shangtex è anche il più grande azionista del Shanghai International Fashion Center (SIFC), che è l’organizzazione no-profit autorizzata dal governo municipale di Shanghai, per promuovere l’industria della moda cinese e la settimana della moda di Shanghai.

Source: fashionmag.com

Tagged , ,

Cina top supplier per la moda italiana

Se la Cina rappresenta, per il comparto moda italiano, il maggior fornitore di tessile e abbigliamento, è altrettanto vero che continua a essere un mercato di destinazione delle produzioni Made in Italy in crescita costante e double digit.
In generale, secondo i dati preconsuntivi 2014 diffusi da Sistema Moda Italia, l’export del tessile abbigliamento nel mondo dovrebbe raggiungere il +3,9%, per un valore complessivo prossimo ai 28,5 miliardi di euro.

L’import ha cambiato passo, facendo registrare una variazione che a consuntivo dovrebbe essere di circa l’8%. L’effetto combinato dei flussi commerciali in uscita e in ingresso da/in Italia determinerebbe nel 2014 un arretramento del surplus con l’estero; il saldo infatti passerebbe a circa 9,2 miliardi di euro (-3,8%, corrispondente a meno 360 milioni di euro).

Focalizzando l’attenzione sul solo mercato cinese, secondo dati Istat elaborati da Sistema Moda Italia, il saldo commerciale con la Cina nel 2014 è negativo di 193.695 milioni di euro. Il tessile ha visto un incremento dell’import del 9,3% pari a 1 mld e 430 mln di euro (+11,3% in quantità), e un decremento dell’1% a 318 mln (-3,2% in quantità) per un saldo negativo di 125 milioni di euro.
L’abbigliamento moda ha visto invece un aumento delle importazioni del 5,8% a 2 mld e 916 mln (+10,7% in quantità) e pure un aumento delle esportazioni del 19,5% a 555 mln di euro (+6,9% in quantità) per un saldo negativo di circa 69 milioni.

Entrando ancora più nello specifico, le importazioni di filati dalla Cina sono aumentate del 4,6% a 285 mln di euro e le esportazioni hanno segnato +1,9% a 61 mln, per un saldo negativo di 11,5 mln di euro. Il comparto dei tessuti registra a fine 2014 un saldo negativo di 22 milioni con le importazioni in crescita dell’1,5% e le esportazioni in calo del 7%.

Sommando a questi il tessile casa, la maglieria e la calzetteria e altre sottocategoria, il totale mostra un incremento delle importazioni del 6,9% a 4,345 miliardi e un aumento delle esportazioni dell’11,1% a 873 milioni.
Interessante l’outlook sul 2015 (fonte Esportare la Dolce Vita, Csc-Prometeia): in Cina l’import dal mondo dovrebbe attestarsi a 14,17 miliardi, dall’Italia a 1,415 miliardi (a prezzi 2012), cui l’abbigliamento tessile concorrerebbe per 425 milioni di euro.

Guardando al 2019, le importazioni dal mondo in Cina dovrebbero aggirarsi intorno ai 18,5 miliardi (+49,6%) e dall’Italia (+49,6%) essere di 1,8 miliardi. Nel 2019 l’abbigliamento dall’Italia concorrerebbe per 528 milioni di euro (+38,9%).

Source: fashionmag.com

Tagged , ,

Pitti Uomo, boom di buyer (+18%)

A chiusura della terza giornata di Pitti Uomo, in corso anche oggi a Firenze, si tirano le prime somme. I dati registrati sull’affluenza mostrano prospettive incoraggianti: +20% dei compratori italiani e +13% per i buyer internazionali. In totale, i compratori dovrebbero raggiungere quota 24mila, +18% rispetto alla precedente edizione invernale.

“Un clima fantastico, e non solo in termini meteorologici – ha dichiarato Raffaello Napoleone,amministratore delegato di Pitti Immagine –. Un’edizione incoraggiante, un’ottima partenza di stagione che porta con sé grande fiducia e ottimismo: non possono essere che questi gli aggettivi e i toni con cui impostare un primo bilancio di questa edizione. Una crescita nelle presenze che non riguarda solo il fronte estero, ma anche, e aggiungo con grande vigore, il nostro Paese, e questo non può che farci che piacere. Senza dubbio il record iniziale di aziende partecipanti a questa edizione (quasi 1.200 in totale, sommando anche le aziende di Pitti W) è stata la premessa per il record di affluenza di compratori che ci aspettiamo”.

Certo, ha influito in maniera positiva anche la débâcle della fiera concorrente Bread & Butter.

Guardando alle previsioni sui mercati esteri, sempre in testa i buyer in arrivo dal Giappone (+5%), provenienza seguita dalla Germania (quasi +20%), e crescita a doppia cifra per quasi tutti i Paesi europei (Gran Bretagna, Olanda, Grecia, Spagna). La Francia, ormai da qualche stagione il primo mercato di riferimento per il menswear italiano, dovrebbe registrare addirittura un +30 per cento. Aumenti del 30-40% da tutti i Paesi del Nord Europa (Svezia, Danimarca, Norvegia, Finlandia): dati che, se considerati assieme al mercato tedesco, esprimono in modo chiaro quanto per una precisa area geopolitica Pitti Uomo sia sempre di più punto di riferimento indiscusso. Sul versante extra-europeo, la Cina mette a segno un +30%, gli Stati Uninti registrano un + 6% (incremento che assume un peso ancora maggiore considerando la qualità dei buyer d’oltreoceano, rappresentati di grandi department store e gruppi del retail di grande portata); ottime performance per tutto il Medio Oriente, per Canada, Messico, India, Sud Africa, Singapore, Taiwan e Tailandia. Gli unici cali, già ampiamente prevedibili, per i buyer provenienti da Russia (-25%) e da Ucraina (-20%).

Pitti Immagine Uomo Pitti Uomo, boom di buyer (+18%) - pitti

Source: pambianconews.com

Tagged , ,

Farfalla

Farfalla

Packaged to perfection by Matteo Giuseppe Pani, this bow tie sits in a black and white box shaped just for it. Simply minimal, the design is bold and focuses on the brand logo scripted across the surface.

“Farfalla is a bow tie brand-name, it is specifically aimed at young man between the ages of 20- 30 who pays great attention to appearance, who wants to be original but without being eccentric. I design the logo “ Farfalla” that mean butterfly in English, but it is also referred to bow ties. In addition, I designed the packaging which had to reflect the shape of its content.”

“The simple lines of the packaging allow us to use it as a pattern which can be repeated over and over again. Because it is a geometric module we can create various compositions.”

Source: thedieline.com

Tagged ,

Il premier cinese Li a Palazzo Chigi. Renzi: firmati 20 accordi da 8 mld

Reduce da un tour che lo ha portato anche in Germania e in Russia, dove ha firmato accordi per un valore di miliardi di euro, il premier della Repubblica popolare cinese, Li Keqiang è stato ricevuto questo pomeriggio a Palazzo Chigi dal presidente del Consiglio Matteo Renzi. Dopo l’esecuzione degli inni nel cortile d’onore Renzi e Li, accompagnati dalle delegazioni di ministri, sono saliti nella sala Verde per il colloquio bilaterale. Al termine, Renzi ha così sintetizzato l’incontro: «Noi oggi firmiamo 20 accordi commerciali per un valore di 8 miliardi». Poi, intervenendo al business forum Italia-Cina, la frecciata alla linea del rigore : «Ormai tutto il mondo capisce che la crescita è una priorità, solo qualcuno in Europa ancora non lo capisce».

Export da Italia a Cina in crescita, «ma possiamo fare di più»
Con la Cina «iniziamo un grande progetto di cooperazione e di partnership», che rafforzerà l’export dall’Italia alla Cina, già «cresciuto dell’8,3% nel 2013. Ma, ha promesso Renzi al termine del colloquio con il collega cinese, «possiamo fare di più»: «In questo momento è molto forte l’attenzione degli investitori cinesi verso il nostro paese e ne siamo ben felici». Da parte sua, il premier cinese ha comnfermato l’esistenza di ampi spazi per estendere la collaborazione commerciale tra i due paesi («Possiamo lavorare per ottenere di più in futuro»), sottolineando alla stampa che il suo paese «non desidera un surplus nei rapporti commerciali bilaterali». Per questo, in futuro, la Cina intende «importare più prodotti made in Italy» di alta tecnologia e creatività. Li ha poi sottolineato l’importanza di aumentare gli «investimenti reciproci» e di «incoraggiare le collaborazioni tra imprese piccole e medie».

Ravioli e spaghetti cinesi in cambio di pizza

Ispirandosi al tema centrale del prossimo Expo di Milano 2015, Li ha auspicato il rafforzamento degli scambi di prodotti gastronomici tra la Cina e l’Italia, «due regni del cibo ottimo»: «ravioli e spaghetti cinesi per spaghetti e pizza italiani, molto apprezzati dai nostri cittadini». Immediata la replica di Renzi, che al termine delle dichiarazioni alla stampa ha ricordato la cena di questa sera tra le due delegazioni italiana e cinese: «vediamo se il cibo italiano sarà all’altezza di quello cinese».

In serata la cena ufficiale a palazzo Barberini
Dopo le dichiarazioni alla stampa, lo spostamento a Palazzo Barberini, per assistere alla firma degli accordi accordi commerciali tra l’Italia e la Cina citati dal premier italiano. A seguire, la cena ufficiale. Giovedì e venerdì il premier cinese parteciperà a Milano al vertice Asem tra i leader dell’Unione europea e quelli dell’Asean (l’Associazione delle nazioni del sudest asiatico). Nel corso dei due giorni di soggiorno nella Capitale Li vedrà il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, i presidenti di Senato e Camera, Pietro Grasso e Laura Boldrini.

 

Source: ilsole24ore.com

Tagged , ,

Tiffany celebra New York e studia Milano

Un modello della nuova collezione Tiffany Tiffany celebra New York e studia Milano - tiffany

Tiffany svela con un evento al Pac di Milano la collezione d’esordio della nuova design director del marchio, Francesca Amfitheatrof. Quest’ultima è approdata nella sezione creativa della maison di gioielli a settembre 2013 dopo una carriera più che ventennale nei campi dell’arte e della creazione di gioielli, dei profumi e dell’arredamento di interni. E mentre celebra New York e la sua energia incessante con una serie di proposte giocate sulle linee spezzate e curve, e sulla reinterpretazione del motivo della T, il gruppo newyorkese non esclude la possibilità di rafforzare la propria presenza a Milano sulla scia dei risultati positivi che arrivano dalle vendite nella boutique di via della Spiga e, in generale, dai punti vendita lungo lo Stivale.

“Il 2014 è partito bene, così come riflesso nei numeri consolidati – ha raccontato a PambiancoTvRaffaella Banchero, AD Italia di Tiffany & Co –  e sta consolidando l’espansione nel mondo e quindi l’apertura di nuovi mercati. Anche in Italia c’è questo ritorno all’euforia e al voler celebrare le occasioni importanti della vita, e siamo tranquilli nel dire che sarà un anno positivo. Sul fronte stilistico, dopo cinque anni di vacanza, avere Francesca Amfitheatrof tra di noi significa una nuova marcia. Siamo molto contenti della sua capacità: ha saputo unire la classicità e l’energia della Grande Mela, il nostro stile fatto di disegni essenziali e purezza rinnovando la nostra T”. Sul fronte del rafforzamento retail, a Milano ogni novità sarà posticipata a dopo l’Expo. “Un terzo punto vendita nel capoluogo? Perché no – ha aggiunto Banchero – i volumi di vendite ci consentono di considerare un’espansione. Milano stessa è una città che si sta ampliando, ma nel nostro caso vedremo dopo l’Expo. Per ora la città è raccolta nel centro. Probabilmente con l’Expo diventerà una città molto più metropolitana e quindi non escludiamo a priori di adattarci al cambiamento di Milano. Magari arriveremo a contare anche quattro o cinque boutique. Difficile prevederlo perché tutto dipenderà da quanto Milano diventerà grande e anche dai flussi turistici”.

 

Source: pambianconews.com

Tagged , ,

Cocuzza & Associati presenta “Retail trends 2014”. Un’analisi del mercato con lo sguardo rivolto al futuro

La ricerca predisposta dallo Studio legale analizza le peculiarità del settore Retail, grazie al contributo dei principali advisors operanti nel settore in Italia.
Cocuzza & Associati mercoledì 24 settembre – presso il Circolo della Stampa, Palazzo Bocconi, in Corso Venezia 48 a Milano alle ore 18.30 – presenta “Retail trends 2014”, una ricerca sviluppata grazie al contributo dei principali advisors operanti nel settore in Italia.
La ricerca è stata ideata dai partner dello Studio con l’idea di raffigurare il mercato del Retail nel nostro paese, e al tempo stesso per fornire indicazioni utili agli operatori che vogliono investire in questo settore, siano essi nazionali o internazionali.
Da un punto di vista metodologico, abbiamo cercato di definire una serie di parametri che consentissero delle valutazioni non solo quantitative – spiega l’Avv. Claudio Cocuzza – ma anche, e soprattutto qualitative.
Dopo il successo della prima edizione, lo Studio ha deciso di continuare su base annuale la pubblicazione Retail Trends.
Riteniamo che questa ricerca – spiegano i partner dello Studio – basandosi sul “sentiment” dei principali operatori del settore piuttosto che su meri dati numerici, offra degli spunti interessanti per meglio comprendere alcune dinamiche di mercato.
Riteniamo infatti – proseguono l’Avv. Alessandro Barzaghi e l’Avv. Alessandra Tarissi de Jacobis – che il mercato non possa essere percepito a pieno con la sola analisi quantitativa sugli andamenti delle transazioni o sull’andamento dei prezzi che, pur restando centrali nella valutazione del settore, rischiano di rappresentare una realtà più “fredda”.
Anche nella sua seconda edizione – spiega l’Avv. Giulia Comparini – attraverso il contributo dei principali advisors operanti nel settore in Italia, ai quali va il nostro ringraziamento, abbiamo cercato di estrapolare alcune indicazioni che sono emerse dal confronto con gli esperti.
Una serie di valutazioni qualitative su un mercato che sta ritrovando un modello di crescita. Oltre alle analisi del mercato, il volume presenta una sezione dedicata alla normativa vigente, ed i professionisti dello Studio Cocuzza svolgono alcune riflessioni sulla normativa e sul processo di autorizzazione degli spazi, riflettendo in particolar modo sulla crisi dei vecchi modelli di collaborazione (ad es. il franchising, ecc.) ed il tentativo di percorrere nuove strade, che pongono al centro della strategia perseguita il brand come ad esempio la commissione alla vendita attraverso contratti di “concession” oppure convertendo il negozio da punto vendita multibrand a monobrand.
Di notevole interesse, inoltre, il capitolo dedicato agli “artifizi” regionali in tema di temporary shops, ovvero negozi operanti in aree ad alta o altissima densità commerciale per un periodo di tempo di breve durata (dalle 3 settimane ai 18 mesi), in cui sono spiegate le differenti regolamentazioni introdotte dalle regioni Campania, Veneto, Liguria e Toscana.
Nell’ultimo periodo sono diverse le operazioni che hanno interessato il settore Retail, nelle quali lo Studio ha assistito importanti realtà nelle procedure che hanno portato all’apertura di nuovi stores, come Abercrombie & Fitch per i due shop nel Sicilia Outlet Village in provincia di Enna (primo outlet italiano della famosa casa di moda statunitense), di Tucano Urbano per cinque shops all’interno di centri commerciali, Claire’s per l’apertura di 13 punti vendita nel nostro paese, al fianco di Apple per il nuovo store capitolino o per il concept store della catena Out of Gluten, dedicata ai prodotti freschi e confezionati per celiaci.
Dalle interviste effettuate con alcuni dei maggiori operatori di mercato, è emerso che i nuovi gruppi esteri attivi, o attivamente interessati ad avviare investimenti sul mercato Italiano, sono un numero tra i 30 e i 40.
In termini geografici, le preferenze degli operatori vedono in testa le piazze di Milano e Roma, seguite – ad una certa distanza – dalle maggiori città del Nord Italia e dalle città d’arte. Isole e Sud continuano a soffrire nonostante il potenziale derivante dal mercato turistico.
La nostra speranza – affermano i partner di Cocuzza & Associati Studio Legale – è che il presente lavoro possa fornire spunti di riflessione e che serva come stimolo soprattutto per gli stakeholders, per il nostro legislatore e le amministrazioni a meglio operare per attrarre e garantire investimenti in un settore che – da sempre – rappresenta un driver fondamentale per il nostro paese ed al quale occorre riconoscere l’utilità di rendere vive e vitali dal punto di vista economico e sociale il nostro Paese e le nostre città.

 

Source: diritto24.ilsole24ore.com

Tagged , ,

L’e-shopping conquista il Belpaese: oltre 16 mln di italiani comprano online

Comodi, convenienti, sempre più sicuri e con un’ampia possibilità di scelta: sono gli acquisti online che hanno conquistato la fiducia e il gusto di oltre 16 mln di italiani. Lo confermano i numeri presentati dall’Osservatorio e-Commerce B2c promosso dalla School of Management del Politecnico di Milano e da Netcomm al convegno intitolato ‘L’eCommerce B2c in Italia: le Dot Com corrono, i retailer rincorrono’.

Sono 16 mln gli italiani conquistati dall’e-shopping

Le vendite in Italia da siti italiani (verso consumatori italiani e stranieri) sono aumentate del 17%, per un valore complessivo di 13,3 miliardi di euro, e del 16% se consideriamo gli acquisti dei clienti italiani (da siti italiani e da siti stranieri), per un valore totale di 14,6 miliardi di euro.

E ad essere sempre più protagonisti delle nuove abitudini di consumo sono i telefonini Smartphone: le vendite passate da questi dispositivi sono raddoppiate (hanno registrato un incremento del 100%) nel 2014 e superano gli 1,2 miliardi di euro, pari al 9% dell’e-Commerce complessivo. Se si aggiungono quelle via Tablet, l’incidenza delle vendite da dispositivi mobili raggiunge il 20% del totale e-Commerce. Il valore dell’e-Commerce passa così dal 2,6 al 3,5% del totale vendite retail e cresce significativamente la penetrazione in diversi settori merceologici: nell’editoria dal 4 al 7%, nell’informatica dal 7,5 al 10,5% e nell’abbigliamento dal 2,9 a quasi il 4%.

“L’e-Commerce nel nostro Paese è sempre più appannaggio delle Dot Com, prevalentemente straniere (come ad esempio Amazon, Booking.com, eBay, Expedia, Privalia, vente-privee.com), ma anche italiane (ad esempio Banzai e Yoox Group), che complessivamente pesano per il 54% delle vendite (oltre il 70% se consideriamo solo i comparti di prodotto)”, afferma Alessandro Perego, responsabile scientifico dell’Osservatorio e-Commerce B2c di Politecnico di Milano e Netcomm.

“Questa percentuale, non negativa di per sé, mette però in luce -osserva- le debolezze degli operatori tradizionali (produttori e retailer), che ancora stentano a interpretare l’online come un reale canale alternativo e che per questo non riescono a giocare un ruolo da protagonisti come è invece avvenuto in molti mercati occidentali. Nonostante oltre 30 nuovi ingressi online tra gli operatori tradizionali nei diversi comparti merceologici, vediamo molto spesso un approccio poco convinto, volto più a enfatizzare i limiti dell’e-Commerce rispetto al business tradizionale piuttosto che a coglierne pienamente le potenzialità”.

Nell’ultimo anno, in Italia, gli acquirenti online hanno superato i 16 milioni. Gli acquirenti abituali – ossia quelli che effettuano almeno un acquisto al mese – sono circa 10 milioni e generano il 90% circa del valore dell’e-Commerce B2c, mentre quelli sporadici sono 6 milioni. In media, spendono 1000 euro all’anno, una cifra molto vicina a quella spesa in altri Paesi europei (1100 euro/anno per quelli tedeschi, 1000 euro/anno per i francesi e 700 euro/anno per gli spagnoli). Resta ancora differente la numerosità: in UK i web shopper sono 39 milioni, in Germania 44 e in Francia 29, ossia rispettivamente il 78, il 74 e il 59% degli Internet User.

“Anche nel 2014 -afferma Riccardo Mangiaracina, responsabile della ricerca dell’Osservatorio e-Commerce B2c del Politecnico di Milano- l’analisi condotta attraverso le interviste agli operatori di e-Commerce italiani conferma che il fattore determinante nell’indurre i web shopper all’acquisto online è il vantaggio di prezzo nei confronti dei canali tradizionali”. Inoltre, aggiunge, “si stanno migliorando progressivamente le prestazioni di consegna, attraverso servizi aggiuntivi come la consegna su appuntamento, e si offrono modalità di acquisto sempre più personalizzate e su misura per il cliente”.

“Gli e-shoppers – afferma Roberto Liscia, presidente di Netcomm – non solo stanno crescendo, ma si stanno evolvendo. Siamo di fronte alla nascita di un nuovo tipo di cliente: il ‘Superconsumatore’. Il consumatore, infatti, è profondamento diverso dal passato: ha preso il pieno controllo del processo di acquisto per soddisfare i suoi bisogni. Non solo acquista online, ma utilizza il web per effettuare acquisti tradizionali consapevoli. Il suo comportamento multicanale dà per scontato che, in qualsiasi momento della giornata, egli possa accedere alle informazioni a lui utili attraverso tutti i mezzi”.

Aggiunge Liscia: “L’online influenza così in modo profondo circa un acquisto tradizionale ogni quattro e quasi un acquisto su tre nel turismo”.

 

Source: fashionmag.com

Tagged , ,

Motivi lancia l’app per lo shopping istantaneo

Giorgia Palmas madrina dell'evento Motivi Motivi lancia l'app per lo shopping istantaneo - motivi

Un solo click sul cellulare e l’acquisto è fatto, dovunque e in qualsiasi momento. Senza poi dover pensare a pacchi e sacchetti, con la garanzia di farsi recapitare a casa il prodotto in 48 ore senza ulteriori costi. Il concetto dell’istant shopping, già diffuso all’estero e oltreoceano, arriva anche in Italia. Attraverso un accordo con il gruppo inglese PowaTag Technologies, che ha stretto intese con più di 800 marchi e rivenditori a livello mondiale e molti altri sono in corso,Motivi ha inaugurato il primo “smart store” in Italia. All’interno del negozio milanese di Corso Vittorio Emanuele II sarà possibile acquistare per due settimane 14 capi del brand attraverso l’app di instant shopping.

 

Alla base del base del servizio c’è una tecnologia che permette di acquistare i capi selezionati in qualsiasi momento utilizzando un Qr Code o attraverso un Audio Tag, ovvero attraverso un sistema audio che connette lo smartphone ai segnali audio che arrivano dalla pubblicità in televisione, dalla promozione alla radio o dall’annuncio durante un evento pubblico. Vengono superati i processi di registrazione e lo shopping viene effettuato instaneamente.

Per l’occasione all’interno dello store del marchio fast fashion di Miroglio di corso Vittorio Emanuele II sono esposte sagome dei capi in promozione dotati di Qr Code, schermi digitali e dispositivi Audio Tag. Inoltre, il Qr Code sarà presente anche in numerose tovagliette e sottobicchieri presenti nei bar e nei ristoranti della città. “Questo – ha raccontato a Pambianconews Mauro Davico, communicator director di Miroglio Group – ci consentirà di offrire un’esperienza d’acquisto a 360 gradi. Ora la testeremo su questo punto vendita ma successivamente l’intenzione è quella di estenderla alla rete vendita Motivi”.

 

Source: pambianconews.com

Tagged , ,